Rilancio del museo archeologico
La sala della Meridiana del Museo archeologico di Napoli

Una nuova stagione si apre per il Museo archeologico di Napoli. Il nuovo progetto Alla scoperta del Mann si proporrà di dar luogo a quattro esposizioni all’anno di pezzi restaurati, provenienti dai depositi del museo di Napoli o dall’estero. Alla luce dell’iniziativa, a Pasqua il museo, diretto da Paolo Giulierini, darà anche luogo ad un’esposizione di armi gladiatorie, presentate di recente in alcune città americane. Questa, tuttavia, non è la sola novità che il Mann ha deciso di offrire al suo pubblico, sempre più vario e numeroso. A partire dall’autunno del 2018, verranno infatti riaperte al pubblico la sezione “Magna Grecia” e “Preistoria”, dopo il grande successo della sezione epigrafica ed egizia. La rinascita del
museo si muove anche su di un terreno moderno e giovanile, raggiungendo il mondo social. Con l’hashtag #Mannatwork, tutti gli interessati potranno essere messi al corrente, passo dopo passo, delle novità e dei rinnovamenti che investiranno il museo. Il tutto per far sentire i visitatori molto meno “ospiti”, nell’ottica in cui la storia e la cultura rappresentano un patrimonio che appartiene a tutti. Ecco quindi l’apertura, in primavera, di una caffetteria interna alla struttura, pensata come un luogo di ritrovo, di condivisione e confronto. L’iniziativa non potrà che essere gradita ai molteplici utenti che affollano il museo. L’opera di rigenerazione della struttura appare necessaria alla crescita del Mann; il quale, il giorno 4 febbraio, domenica di apertura gratuita dei musei, ha raggiunto il primo posto in Campania e il terzo in Italia tra i siti più visitati.

Totò torna a “vivere” nel suo quartiere