Ospedale del mare, nuova inaugurazione

Sanità. Il presidente della Regione Vincenzo De Luca annuncia la piena funzionalità del Pronto Soccorso a partire da aprile

“Senza di noi l’Ospedale del Mare non si sarebbe aperto nemmeno nel tremila”. Risponde così Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, alle polemiche nate a fronte della nuova inaugurazione della struttura sanitaria di Ponticelli. Giovedì scorso, un tour tra i reparti con medici e dirigenti sanitari in occasione dell’ampliamento dei posti letto a disposizione che passano da 91 a 257 e che, entro aprile, dovrebbero arrivare a quota 409. In più, prendono il via le attività del Pronto Soccorso non di I livello: in sostanza, qui arriveranno pazienti già stabilizzati in altri ospedali (quindi non attraverso il 118) liberando posti letto negli altri pronto soccorso. “Ci diamo l’obiettivo di aprire il pronto soccorso in questo nosocomio entro aprile”, promette De Luca. Il Pronto soccorso avrà dunque accesso diretto tra due mesi, con l’avvio oggi di una fase intermedia di accoglienza di pazienti in arrivo da altre strutture. “Questa iniziativa era già programmata – ha proseguito il governatore -. Siamo stati sollecitati a fare una operazione verità a fronte di alcuni servizi giornalistici scorretti. Al di là di questo sono qui per ragioni di sostanza. Abbiamo avuto una determinazione feroce a proteggere l’ospedale dai vandali. Capisco che abbiamo rotto gli equilibri ma non c’era altra strada che quella di voltare pagina. Ci siamo assunti la responsabilità per le assunzioni – ha proseguito De Luca -. Abbiamo sacrificato le esigenze degli ospedali di tutta la regione per portare qui 500 nuovi assunti. Devo ringraziare Ciro Verdoliva: è merito suo se questo ospedale è decollato e gliene rendo merito. Ora la direzione di marcia è chiara”. L’intenzione di Palazzo Santa Lucia è quella di cominciare a spostare i reparti all’Ospedale del mare. Malgrado il tono cauto di De Luca (“mi sono imposto di fare training autogeno”, ha detto), non sono mancate anche questa volta le polemiche. Arturo Scotto, deputato di Articolo 1-Mdp, ha definito l’Ospedale del Mare simile alla “saga di Harry Potter che ogni volta viene rinverdita”. Secondo Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi, i cittadini campani scontano i ritardi “dovuti all’assurdità di averlo portato a termine senza avviare, di pari passo, tutti i procedimenti per renderlo realmente operativo”.

Baby Gang, Napoli assolve Gomorra