Napoli, è protesta contro la piaga dei parcheggiatori abusivi

parcheggiatori abusivi, protesta, spari lungomare
Parcheggiatore abusivo nel centro di Napoli

Parcheggiatori abusivi. Stanno avanzando le indagini degli investigatori sul raid che domenica scorsa ha diffuso il panico sul lungomare di Napoli.

Dieci colpi di pistola, sparati in aria intorno alle ore 21 in via Chiatamone, da un uomo che voleva vendicarsi con dei parcheggiatori abusivi per il furto del suo scooter. Il caso ha avuto un forte eco mediatico, e ha ricevuto la dovuta attenzione anche dalla Prefettura, riunitasi lunedì scorso: un incontro decisivo che ha stabilito di aumentare la presenza delle forze dell’ordine e della polizia municipale, e di potenziare i sistemi di videosorveglianza pubblica, indispensabili per l’attività di controllo sul territorio.

Quella dei parcheggiatori abusivi è una storia che ha ormai stancato la popolazione partenopea. I napoletani ne hanno abbastanza, non vogliono più sottomettersi al pedaggio ogni qual volta che hanno bisogno di sostare il proprio veicolo lungo le strade della città. Attraverso uno dei più importanti social network si è stabilito che il 20 aprile prenderà vita una protesta pubblica contro la figura dei guardiamacchine illegaliUn’iniziativa con luogo e data da definire, mossa dal gruppo Facebook Io odio i parcheggiatori abusivi e aperta alla partecipazione di tutti ,in quanto spinta dalla molteplici denunce contro “la piaga di Napoli”.

Web Hosting

Una battaglia non facile da combattere, considerando il grande giro di business che si nasconde dietro: un circolo d’affari che coinvolge la camorra, solita a richiedere tangenti ai “custodi illeciti”, a seconda degli incassi e delle zone assegnate.