Napoli, è tempo di baratto e riuso: torna la Fiera alla Mostra d’Oltremare

fiera del baratto, mostra d'oltremare, napoli

Conservare, “stipare”, riparare, fa parte del culto napoletano: un’attitudine radicata sin dai tempi antichi nelle più popolari famiglie della città. Napoli anche quest’anno, presso la Mostra D’Oltremare, accoglie con un gran benvenuto la 44ª edizione della Fiera del Baratto e dell’Usato: la manifestazione dedicata al riuso e al riciclo, che fissa il suo appuntamento per le giornate di sabato 14 e domenica 15 aprile. Un evento di gran festa rivolto ai collezionisti, agli appassionati del vintage e a chi semplicemente riesce a divertirsi fiutando l’affare e acquistando pezzi rari ed originali a prezzi bassissimi, aperto quindi davvero a tutti: famiglie, giovani, e anche ambientalisti.

La fiera, creata verso la fine degli anni 90 dall’associazione Bidonville, si propone di condividere e stimolare la buona pratica del riuso per combattere lo spreco di risorse non rinnovabili. Molto amata quindi dai sostenitori della green economy, in quanto promuove una pratica, basata sul commercio di oggetti che, poiché inutilizzati se non correttamente smaltiti, andrebbero ad inquinare l’ambiente. Ebbene sì, ora il vintage è tornato di moda, è cool, è accessibile, e allo stesso tempo offre l’opportunità di fondere l’etica con l’estetica.

Sapevate che Napoli è riconosciuta come una delle capitali del mercatino dell’usato? La città vanta, infatti, la presenza di numerosi mercati che abbracciano con grande entusiasmo questa idea alternativa di far economia. È il caso di dire che qui non si butta via niente, o come suggerisce anche il detto napoletano: “stipe ca truove”!