Napoli, arriva Cest Eat il “panaro” che sfida Just Eat

cibo, napoli, consegna a domicilio
Il logo di Cest Eat

È rivoluzionaria e napoletana la risposta italiana al colosso di consegna di cibo a domicilio più famoso al mondo.

Si chiama Cest Eat e viene da Napoli la piattaforma che si propone di sfidare Just Eat, il servizio leader mondiale nella consegna di cibo a domicilio, attivo in Italia dal 2011.
L’idea rivoluzionaria è del noto avvocato penalista Sergio Pisani. L’avvocato ha dato il via a una formula capace di fondere innovazione e tradizione, garantendo anche velocità e il rispetto dell’ambiente.
Lo strumento immaginato per connettere produttore e consumatore dei piatti scelti sarà il classico panaro: un semplice cestino intrecciato in vimini munito di corda, con funzione di montacarichi. Il simbolo dell’antica ma mai tramontata usanza partenopea di trasportare oggetti dall’alto verso il basso e viceversa.

Il sistema immaginato prevede che il cliente possa scegliere tra una lista di cuochi a seconda delle recensioni o della vicinanza al proprio domicilio. I manicaretti saranno quindi preparati e consegnati agli utenti attraverso l’apposito cestino calato dall’alto.
Chi desidererà attendere comodamente a casa la ricezione dei cibi potrà invece beneficiare del servizio del servizio di consegna a domicilio.
I corrieri, organizzati territorialmente e a bordo di bici elettriche, preleveranno i piatti dai panari dei cuochi e li consegneranno ai destinatari. Il tutto entro pochi minuti.

Il progetto, secondo quanto si apprende, sta già ottenendo grandi consensi sui social e in tanti tra i potenziali cuochi avrebbero già manifestato l’interesse a iscriversi sulla piattaforma.
Nei prossimi giorni sarà ultimata anche l’app ufficiale di Cest Eat.