Il Napoli batte il Crotone e va a 91 punti. Chiusura in bellezza e festa al San Paolo

 Vittoria per 2-1 sui calabresi con reti di Milik e Callejon. I tifosi tributano un lungo applauso agli azzurri

Chiusura straordinaria col Crotone sia per la prestazione in campo che per la risposta del pubblico al San Paolo. Ancora una volta attraverso giocate spettacolari è arrivata la vittoria numero 28 di questo straordinario campionato, con gol di Milik e Callejon.

Sarri e i suoi ragazzi, dopo la delusione di Firenze, si erano posti l’obiettivo di superare quota 90. Non era facile ma la squadra è riuscita a chiudere a 91, una quota che negli ultimi 25 campionati per ben 22 volte avrebbe garantito lo scudetto. La Juventus, invece, ne ha fatti addirittura 4 in più ma almeno 10 punti, oggettivamente, sono arrivati attraverso clamorosi aiuti arbitrali.

Il Napoli è il vincitore morale di questo campionato. Lo ha capito e lo ha apprezzato il popolo napoletano e, sotto sotto, lo hanno sicuramente capito tutti, anche quelli della Juventus. Una superiorità di gioco manifestata nell’arco dell’intera stagione che ha avuto come unico piccolo difetto qualche calo mentale derivato da ingiustizie subite che il Napoli è riuscito a metabolizzare velocemente dopo, però, aver lasciato per strada punti contro Roma e Fiorentina. Per il resto stagione che ha sfiorato la perfezione, con gli attaccanti che hanno segnato molto di meno ma con la squadra che come equilibri ha fatto ulteriori passi avanti rispetto alle precedenti due stagioni sotto la guida di Sarri.

Per continuare così è necessario adesso risolvere in fretta proprio la questione legata alla permanenza del tecnico. De Laurentiis, nel post partita è stato chiaro: per il presidente il tempo è scaduto. Questa dichiarazione, però, meglio specificata dallo stesso De Laurentiis non significa che è già interrotto il rapporto con Sarri. Il presidente vuole una risposta in tempi brevi e Sarri a fine partita ha lasciato intendere che adesso si dedicherà solo a questo. Senza sbilanciarsi sulla permanenza o meno del tecnico al Napoli, le prossime 48 ore saranno decisive per capire se questo splendido rapporto che tanto ha fatto gioire i tifosi napoletani continuerà.