Bronzo per Hi-Performance Italia nella prima gara a Shangai

nautica, motonautica, hi-performance

Mondiale X-Cat, Giuseppe Schiano all’esordio sale sul podio al termine di una gara emozionante a Shangai

            Inizia nel modo migliore la trasferta cinese per il team Hi-Performance Italia della famiglia Schiano. La barca con i colori Mercury, infatti, nella prima gara disputata oggi a Shangai ha conquistato il terzo gradino del podio al termine di una corsa emozionate. A bordo c’era il francese Francois Pinelli insieme al giovane Giuseppe Schiano, già campione del mondo Class V1 nel 2015, che era all’esordio in gara in questa categoria.

Dopo il quinto tempo nelle prove libere e il sesto nella Pole Position, Hi-Performance Italia ha disputato una gara magistrale riuscendo in partenza a risalire due posizioni fino al quarto posto, lottando fianco a fianco con gli scafi 222Offshore e Swecat. Proprio quest’ultimo alla virata di una boa del primo giro ha colpito sulla fiancata lo scafo timonato da Giuseppe Schiano procurando un danno notevole ma questo non ha impedito alla barca di proseguire la gara. La corsa è stata interrotta a metà per un incidente e la bandiera rossa ha permesso al team, che era in quarta posizione, di approfittare di una seconda partenza per guadagnare ulteriori posizioni superando anche la barca Abu Dhabi e conquistando per un tratto la testa della corsa. Il risultato finale è un terzo posto di grande prestigio, con il miglior tempo sul giro e la velocità massima più alta registrata in gara a conferma dell’ottimo lavoro anche dei tecnici nella preparazione dello scafo, coordinati da Rosario e Antonio Schiano.

            “Ho provato una fortissima emozione – ha spiegato a fine gara Giuseppe Schiano -. Non nascondo che ho anche pianto, perché correre in questo circuito, che rappresenta la vera Formula 1 del mare con i piloti più abili ed esperti al mondo, è già un grande successo. Riuscire nella prima gara ufficiale a prendere la testa della corsa e chiudere sul podio è un risultato unico che mi riempie di gioia e mi dà la spinta per migliorarmi ancora e cercare di portare questa barca, che si è dimostrata molto performante, ai massimi livelli. Magari già nella gara di domani, per la quale stiamo lavorando per riparare il danno subìto oggi”.

            Nella stessa gara Rosario Schiano, fratello di Giuseppe, al primo anno da pilota iniziato subito dal circuito più competitivo, ha affiancato il pilota veneto Andrea Comello sulla barca iberica Viniexport ottenendo un buon nono posto.