Cavani, il legale: “Quell’abbraccio vuol dire apertura. Il discorso del suo ritorno a Napoli resta aperto…”

cavani, de laurentiis. psg-napoli, abbraccio
Edinson Cavani e Aurelio De Laurentiis

L’abbraccio di ieri sera negli spogliatoi del Napoli e le dichiarazioni seguite riaccendono il sogno del ritorno del Matador in maglia azzurra

Si è concluso con un abbraccio molto significativo il match tra il Psg e il Napoli di ieri sera. Al termine dell’incontro De Laurentiis ha preso Cavani sottobraccio e sono entrati nello spogliatoio del Napoli per un caloroso saluto ad Ancelotti, Hamsik e gli altri.

In proposito Gennaro Famiglietti, legale di Edinson Cavani, ha dichiarato ai microfoni di Radio Kiss Kiss:“L’abbraccio conAurelio De Laurentiis è da vedere come un gesto di apertura e come grande riconoscenza tra Edinson ed il presidente per tutte le soddisfazioni reciproche vissute insieme.
Gli anni vissuti a Napoli rappresentano un ricordo che niente potrà mai cancellare. E questa cosa Edi l’ha detta più volte: quante volte ha fatto sapere che gli farebbe piacere tornare in città per vestire ancora la maglia azzurra. Poi ci sono dei dettagli sui quali ora è inutile stare a parlare. Ma Cavani guarda sempre con amore Napoli ed i suoi tifosi. Mi impegno a parlare con lui per provare a convincerlo a concretizzare questo romantico ritorno, lo spero tanto. Il mio è un auspicio, lo dico da tifoso. De Laurentiis è un grandissimo presidente, in questi anni ha portato il Napoli ai vertici. È dotato di una forte personalità e a volte va contro qualcosa, ma gli va dato atto di essere un gran presidente. Farà di tutto per portare il Napoli ancora più su. Io credo che il discorso per rivedere Cavani a Napoli resti aperto. L’abbraccio con De Laurentiis va letto in questo senso ”.

Dello stesso avviso anche Valter De Maggio intervenuto su Radio Goal: “Credo gli verrà la voglia matta di tornare a Napoli dopo che sentirà il calore del San Paolo. Qualcosa è cambiato, l’abbraccio di ieri con De Laurentiis può significare qualcosa d’importante”.