Considerazioni sulla Champions League del Napoli

Considerazioni???
Opinioni?? Caffè Borghetti???
Si, ragazzi… niente pagellina. Tre in una settimana nun se ponne fa.
Ormai vado in giro per casa dando i voti anche allo scarico del Wc. Quando spazzo ed alzo la paletta, la monnezza pensa che sto facenne la classifica del migliore macchiatore in campo….
La mia famiglia pensa che sto dando i numeri, al lotto…. sulo che nun escene mai.
Il mio è un decadimento fisico e mentale. Non posso cambiare il testamento ad ogni incontro, perchè prima o poi, mi fa fuori il notaio per disperazione.
Niente voti. Però alcuni pensieri, vorrei condividerli con voi. Ormai siamo amici, accomunati non solo dalla stessa passione, ma dalla stessa malattia. Io vi riconosco. Andiamo in giro con lo stesso sguardo che hanno i pazienti di un reparto di proctologia.
Le parole del Mister, prima dell’incontro, hanno lasciato il segno: i nostri giocatori sono usciti dagli spogliatoi molto agguerriti: “Carlè…. coglioni a chi”?
Fabian, ormai naturalizzato napoletano, ha pigliato questione pure con le bandierine del fuorigioco. Correva per il campo gridando: “che r’è guagliò? che guadda a fa? tiene cocc pobblem”?
In realtà, l’unico problema lo ha tenuto Mario Rui, che si è addormute in occasione del goal della Stella Rossa. Un errore può capitare, ma io un controllo medico per capire se non è narcolettico, glielo prescriverei lo stesso.
Fortunatamente ci ha dato modo di maledire con stile. Non l’autore del goal – Vulesse vedè a voi dire “Mannaggia a Ben Nabouhane” tutto d’un fiato e senza incepparvi – ma chi gli ha fatto l’assist. Un “Mannaggia a Marin” semplice, essenziale. Una pura poesia.
Il capitano si è finalmente sbloccato segnando un gol di fino. E’ sgusciato tra le linee avversarie per 90 minuti come un capitone. Zielinski ha fatto, invece, una prestazione da Baccalà… doje papaccelle e con gli antipasti di Natale stamme a posto.
KK ha capito che per per farci sognare, deve usare la testa, e mò chiave capate a cecate. Mertens sembrava, invece, particolarmente ispirato dal “famolo strano” di Verdoniana memoria.
Abbiamo dominato la partita.
Onestamente il goal dei Serbi nun ce azzeccava proprio. Dopo il fischio finale, steveme tutti quanti con le penne in mano a calcolare le chance per il passaggio del turno in trasferta.
Miezz o burdello, mia figlia mi ha passato i suoi compiti di matematica ed ho calcolato un paio di ipotenuse e l’area di due o tre rombi.
Basta piangere sul latte versato. Vulesse capì se fosse birra o vino, ja…
Ora, dobbiamo mantenere il sangue freddo. Concetto non gradito al nostro Callejon, che ha finalmente fatto il cambio di stagione e ritrovato le mutande di lana.
Dopo aver piazzato le Stelle Rosse ngopp all’albero di Natale ( scusate…. apriamo una parentesi… ma perchè state facenne questi alberi sempre prima? tra qualche anno simme costretti a portacelo ad agosto in vacanza, pagando pure il supplemento. Smettetela di postare foto di abeti, già addobbati di luci e palline. tanto il più bello resta sempre il mio) ora dobbiamo mettere il puntale.
Io una mezza idea su dove metterlo la tengo…
Speriamo che i Reds facciano con noi le belle statuine come, pare, abbiano fatto contro il PSG. Accussì prepariamo prima pure il presepe. Io c’ho vec a Salah come Re Magio o Alisson che sforna le pizze, con quelle pale che tiene al posto delle mani. Per solidarietà, noi possiamo prestare Diawara e Hysaj per fare il bue e l’asinello…
Non vogtlio considerare le alternative: il Liverpool deve perdere. Klopp deve perdere.
Ce lo chiedono le coppie che si appartano nei boschi, illuminati sul più bello dai fari della sua macchina. E che non possono nemmeno dire Mokka a ‘m@#*%., senza entrare automaticamente nello spot.
Ce lo chiede la federazione autolavaggi autorizzati e lavavetri di strada, per tutto il fango che sono costretti a togliere dal suo Suv Crossover ogni volta che vuole fare il fariniello con qualche femmina.
Ce lo chiede l’Europa a causa della Brexit.
Non possiamo deludere tutti.
Dio Salvi la Regina.Ma San Gennà salva a Noi.